Monte Amaro da Fonte romana

CARATTERISTICHE
E’ uno dei pochissimi itinerari possibili nella impervia parte ovest della Maiella, conosciuto e molto frequentato. Interessante l’attraversamento del desolato Vallone di Femmina Morta, un pianoro lungo 5 km ad una altezza media di 2.400 mt. A parte un breve tratto nella parte iniziale dove il percorso si smarrisce a causa di alcune sorgenti e della fitta vegetazione, il resto della gita avviene su sentiero sempre evidente e ben segnalato.
Segnaletica giallo/rossa e paletti di segnalazione. Le prime 1,30 ore circa di cammino si svolgono nel bosco, poi sempre su terreno aperto.

IL PERCORSO
Da Campo di Giove si raggiunge la località di Fonte Romana dopo qualche chilometro e si svolta a destra per una sterrata che va verso la montagna.
Si arriva subito dopo ad un ristorante e qui attorno si parcheggia. Si continua a piedi la sterrata che subito dopo diventa sentiero, che si perde, per un tratto(20 minuti circa), a causa, specialmente a fine stagione, della fitta vegetazione e di alcune sorgenti che inondano il terreno. Si avanza a vista per tracce e dopo una ventina di minuti si arriva ad intersecare una sterrata che bisogna seguire in salita. Da qui in poi il percorso sarà sempre evidente.

Dopo 20 minuti circa(40 dalla partenza) si abbandona la sterrata, ormai quasi al termine, e si svolta a sinistra cominciando a salire ripidamente nel bosco dove si sbuca dopo 40 minuti circa(1,20 ore dalla partenza). Si sale ancora, ora su terreno aperto, fino ad entrare nel Fondo di Maiella(1.800 mt.) dove si incontra un bivio. Si prende a destra, indicazioni per Monte Amaro e Campo di Giove, e si prosegue ancora per 15 minuti circa fino ad incontrare un altro bivio. Si lascia a destra il sentiero che prosegue per Campo di Giove e si continua a sinistra iniziando a salire il fianco della montagna (bella la vista sulla montagna del Morrone e il Passo S.Leonardo). Si continua ora ripidamente fino a raggiungere il valico della Forchetta di Maiella(2.350 mt.) che immette nel Vallone di Femmina Morta(2,30 ore dalla partenza).

Si scende nella valle e si comincia la risalita dirigendosi verso sinistra. Dopo 15 minuti circa la visuale comincia a scoprirsi e Monte Amaro appare alla vista. Prima di raggiungere la testata della valle, il sentiero si inerpica sul suo fianco destro fino a svalicare sul pianoro soprastante in località Altare dello Stincone. Si continua e dopo 3,30 ore circa dalla partenza si arriva nei pressi di Grotta Canosa ai piedi di Monte Amaro. Qui si inizia la salita per la cima dove si arriva dopo 50 minuti circa(stupenda la vista sulla Valle della Femmina Morta). Si torna per lo stesso itinerario. Da annotare che l’ ultimo tratto del ritorno, è più problematico che in salita, sempre a causa dell’acqua delle sorgenti che cancella il sentiero. Comunque basta fare attenzione ai segni giallo/rossi sugli alberi e sulle pietre e seguirli anche in mezzo al fango.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>